Le Tapas

Le Tapas

 
Post_32
 
Storicamente le tapas sono nate nell’Ottocento in Andalusia per accompagnare lo sherry, il dolce e celebre liquore. Il nome nasce dall’abitudine di coprire il bicchiere con una tapa (tappo o piattino) per tenere lontane le mosche. Il piattino vuoto è stato poi riempito con squisitezze a base di carne, pesce e verdure.
Le tapas di solito non si gustano in un solo posto ma si cambia locale, parlando e scherzando in compagnia. La convivialità è favorita dal fatto che quasi sempre le tapa si mangiano in piedi di fronte ad un tavolo rotondo o ad un bancone.

Come accompagnamento si beve solitamente il vino rosso “tinto” o la birra. D’estate al posto della birra si ordina spesso il celebre “tinto de verano” (vino rosso con ghiaccio allungato con aranciata o limonata gassata).

L’importanza delle tapas risiede non solo nella delizia culinaria ma anche nella conversazione che accompagna la degustazione e nella compagnia degli amici.

Nei paesi baschi, in particolare a San Sebastian, il cibo è un vero culto e impazza la passione per gli stuzzichini, chiamati pintxos. I pintxos sono la versione basca delle classiche tapas, soprannominati la “piccola cucina in miniatura”, si mangiano, magari passeggiando, in un giro tranquillo per la città.